Successo di Au Fil du Temps, Mostra del Monegasco Claude Gauthier (le foto)

di Angela Valenti Durazzo – Claude Gauthier: la fantasia e l’immaginazione si saldano alla puntigliosa descrizione di ogni angolo del Principato di Monaco.

Luoghi che c’erano, che ci sono, oppure che ci saranno nella Monte Carlo della modernità e della costante evoluzione urbanistica , protagonisti delle oltre 100 opere esposte nella mostra di Gauthier, realizzata su iniziativa degli Affari Culturali di Monaco, dal titolo Au Fil du Temps. La personale dell’artista monegasco ha chiuso i battenti il 17 novembre 2019 all’Auditorium Rainier III di monaco, registrando un successo di presenze e di gradimento.

Presenti al vernissage il Consigliere-Ministro dell’Interno Patrice Cellario, la Direttrice degli Affari Culturali Francoise Gamerdinger , il Sindaco di Monaco Georges Marsan e successivamente il Presidente del Consiglio Nazionale Stéphane Valery, l’Arcivescovo di Monaco Bernard Barsi, il Segretario di Stato Jacques Boisson, il capo dei Pompieri Norbert Fassiaux, il direttore degli archivi e della biblioteca del Palazzo del Principe Thomas Fouilleron, eccetera.

Gabbiani e Libri Volano sul Cielo di Gauthier

Dettaglio di una tela esposta da Gauthier che mostra alcuni libri che si librano verso il cielo; Ft©arvalens

Le opere di Au Fil du Temps sono segno del “rinnovamento incessante e delle ricerche” dell’artista, ex poliziotto e pittore naïf autodidatta che ha spesso “raccontato” scorci e paesaggi del Principato in patria e all’estero. 

Citiamo fra le mostre di Claude Gauthier quella nel Padiglione di Monaco all’Expo Milano nel 2015 e Charme et Poesie de Monaco al Jardin Exotique nel 2016.
Monaco, la sua storia, la natura, i paesaggi, il circo, il Messico, Réunion, sono infatti alcune fra le tematiche preferite dall’autore rese in un affresco di colori e disegni che mostra un animo incline al sorriso ed alla joie de vivre ma anche tecnica e rigore.

Claude Gauthier , Il Parco Princesse Antoinette a Monaco; Ft©arvalens

Chiusa l’esposizione restano gli scorci senza tempo del Principato impressi sui quadri di Gauthier (e delle vicine località francesi) su cui volano indifferentemente gabbiani, uomini sospesi su deltaplani colorati o anche libri aperti…in un mondo dove tutto è possibile, affollato di alberi rosa oppure rossi (quelli del Parco Princesse Antoinette, per esempio), affastellato di cactus e piante esotiche (come quelle del Jardin Exotique di Monaco), pieno di simbologie e talvolta anche di ricordi.

Gauthier: la Salvaguardia dell’Ambiente Marino

Ed il pittore naïf non dimentica di imprimere nelle sue opere pesci di ogni foggia e colore che popolano i fondali marini, animali del circo, tartarughe (in omaggio all’impegno per la salvaguardia delle specie animali portato avanti nel Principato). 

Claude Gauthier Ft©arvalens

Il quadro più vecchio della mostra è “Le pardon” del 1969; il più recente “Fiefs des Grimaldi” (I feudi dei Grimaldi) del 2019, il quale trae ispirazione dalla 2° edizione dell’Incontro dei Siti Storici Grimaldi di Monaco (sull’evento nella piazza del Palazzo del Principe LEGGI). 

Ma fra le moltissime esposte una tela è particolarmente cara a Gauthier: quella, grandissima, che rappresenta le opere del Principe Ranieri III dipinta nel 1999 (foto sotto).

Le opere di Au Fil du Temps ci rivelano anche costruzioni che non ci sono più, quali la Villa Trianon in rue Grimaldi o i grandi padiglioni bianchi (edificati temporaneamente e di recente smantellati) nella piazza del Casinò. 

Claude Gauthier posa dinnanzi all’opera dedicata al Principe Ranieri di Monaco; Ft©Alesi/Dir.Comm.

“Attraverso le sue opere – si legge sulla nota stampa – il pubblico può effettuare una passeggiata nelle strade di Monaco (e in alcune località francesi e all’estero n.d.r.), familiarizzare con la storia del Principato, degli antichi siti storici Grimaldi, dei balletti russi, delle numerose competizioni sportive, del Festival Internazionale del Circo di Monte Carlo” ed infine incontrare la storica figura del Principe Alberto I.

Proprio quest’ultimo è stato scelto per il manifesto di Au Fil du Temps. L’antenato del Principe Alberto II, pioniere dell’oceanografia, esploratore dei secoli scorsi, viene dipinto da Gauthier mentre tiene saldo il timone, come nella statua a lui dedicata nella Piazza del Principe, ma di spalle, rivolto verso il Museo Oceanografico. E sembra di vederlo mentre rivolge lo sguardo vigile sul mare, verso l’oceano, ieri come oggi, risorsa da proteggere.

Clicca qui per mettere “mi piace” alla nostra pagina facebook Monaco Italia Magazine

Ft©arvalens
Ft©arvalens
Ft©arvalens

Ft©arvalens
Ft©arvalens

Per Altri Articoli di Monaco Italia Magazine Clicca qui

Leave a Comment

Recent Posts

La Nave Amerigo Vespucci nel Porto di Monaco (le foto)

Entusiasmo nel Principato di Monaco per l'ormeggio della nave Amerigo Vespucci nel Port Hercule. La…

2 giorni fa

Niente Mascherine all’Esterno da Domani nel Principato di Monaco (eccetto in alcune zone)

Covid-19: Da domani, sabato 19 giugno 2021, non sarà più obbligatorio indossare la mascherina all'aperto…

4 giorni fa

Applicazione CARLO: Prosegue il Sostegno al Commercio e al Consumo Locale

Il Governo del Principe di Monaco ha deciso di proseguire il sostegno fornito alle attività…

5 giorni fa

Le Vele d’Epoca nella Laguna di Venezia col Trofeo Principato di Monaco

Nota Stampa - Sabato 26 e domenica 27 giugno 2021 si disputerà l’VIII Trofeo Principato…

5 giorni fa

I Tamburi a Cornice dei Tammurrianti Concludono la Stagione della Dante Monaco

Lo Spettacolo dei «Tammurrianti World Project» ha coinvolto e conquistato al Théâtre des Variétés il…

5 giorni fa

Stéphanie di Monaco e l’Impegno nella Lotta Contro l’AIDS

La Principessa Stéphanie di Monaco, Ambasciatrice Internazionale di Buona Volontà de l'ONUSIDA, è intervenuta con…

7 giorni fa