Accesso dei Rifugiati alle Professioni Umanitarie, Patto d’Intesa fra Monaco l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (HCR) e Bioforce

Accesso dei Rifugiati alle Professioni Umanitarie, Patto d'Intesa fra Monaco l'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (HCR) e Bioforceda sinistra a destra: Gilles Collard, Laurent Anselmi, Paolo Artini; Ft©Dir.Comm./Manuel Vitali

Laurent Anselmi, ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione del Principato di Monaco, Paolo Artini, Rappresentante dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (HCR) in Francia e a Monaco, e Gilles Collard, Direttore Generale di Bioforce, hanno firmato ieri, martedì 22 giugno 2021, un Protocollo d’Intesa in favore dell’accesso dei rifugiati alle professioni umanitarie e di sviluppo in Africa occidentale.

I partner – si legge nel comunicato – desiderano che questa iniziativa contribuisca a rafforzare significativamente l’accesso all’insegnamento superiore e alla formazione dei rifugiati al fine di migliorare la loro partecipazione e rappresentanza nei processi decisionali che li riguardano direttamente”.

La firma di questo Protocollo d’Intesa segue la Giornata Mondiale dei Rifugiati, tradizionalmente celebrata il 20 giugno, e viene siglato in vista del 70° anniversario della Convenzione relativa allo statuto dei rifugiati firmata il 28 luglio 1951 e ratificato nel 1956 dal Governo del Principe. A partire da questa data Monaco ha cooperato con l’HCR e dal 1961 ha apportato un sostegno finanziario annuale.

Guarda Anche:

Coronavirus: Aiuti d’Urgenza della Cooperazione Internazionale di Monaco

Clicca qui per mettere “mi piace” alla nostra pagina facebook Monaco Italia Magazine

Per Altri Articoli di Monaco Italia Magazine Clicca qui

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)