MONACO: TRA SCORCI ANTICHI E PALAZZI AVVENIRISTICI

Seguici sui social network

Il Residence "Le Simona" nel quartiere del Jardin Exotique di Monaco-foto ©arvalens2017

Principato di Monaco – Una foto emblematica, quella che abbiamo scattato i giorni scorsi nel quartiere monegasco del Jardin Exotique, che evidenzia le due anime, quella antica, tradizionale e quella moderna e d’avanguardia, che coesistono perfettamente nei due chilometri quadrati del Principato di Monaco, stato dove vivono oltre 37mila persone (senza contare le migliaia di pendolari che ogni giorno svolgono la propria attività lavorativa nel Paese).

Così l’iscrizione con la data 1918 (foto sopra) del muro che delimita il parco Princesse Antoinette si trova nello stesso campo visivo dell’imponente e ultra-moderno palazzo bianco chiamato “Le Simona” caratterizzato da una fitta rete di tagli, curve, e vuoti.

Monte Carlo, La Torre Odeon-foto©arvalens 2017

L’edificio dal design innovativo, che si estende per 90 metri di altezza su 22 piani, è composto da due torri sfalsate, unite da passerelle trasparenti, ed è stato – riporta una nota – un’autentica sfida: la sua imponenza (verticalità), la morfologia del territorio monegasco (molto scosceso), la densità abitativa circostante (il Principato è uno degli Stati con più alta densità di abitanti al mondo per decametro quadrato) e la complessità del progetto architettonico, ne fanno un esempio di competenza”.

Monaco, d’altronde, si estende spesso in “verticale” poiché i terreni edificabili sono oramai da tempo esauriti. E per lo stesso motivo lo Stato del Principe Alberto II continua la conquista verso il mare (avviata durante il regno di Ranieri III, con il quartiere di Fontvieille ed altri terrapieni ed adesso riconfermata all’Anse du Portier, col nuovo lussuoso quartiere, emblema di design ecosostenibile, in costruzione nei pressi della spiaggia di Larvotto).

Ed a proposito di edifici frutto di perizia architettonica non possiamo non citare la sagoma azzurra che si staglia verso il cielo della Tour Odéon (foto sopra). La struttura più alta del Principato di Monaco con i suoi 50 piani e un’altezza di 170 metri, è caratterizzata da vetrate che rivestono finestre e terrazzi.

I lavori dell’estensione a mare dell’Anse du portier, ft.©arvalens

Tornando invece alla foto che mostra l’iscrizione del secolo scorso sul muro del Parco Princesse Antoinette, giardino che ha al suo interno tra l’altro diverse specie di piante succulente, vale la pena di sottolineare come, in piena città ed a pochi passi da grattaceli ed abitazioni, trova spazio un’area verde con giochi per i bambini e terreni omnisports, due campi per badminton e tennis-pallone, ping-pong, un mini-golf in terra battuta. E poi la casetta delle feste, la mini-fattoria e l’orto “dove i ragazzi vengono avviati alla raccolta delle olive compresa la spremitura, il riconoscimento delle erbe ed essenze mediterranee”.

Please follow and like us:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.