Due Giorni di Storia e Folklore sulla Piazza del Palazzo del Principe Di Monaco (le foto)

Due Giorni di Storia e Folklore sulla Piazza del Palazzo del Principe Di MonacoUn momento della cerimonia di apertura della Seconda Edizione degli Incontri dei Siti Storici Grimaldi; Ft©arvalens

Di Angela Valenti Durazzo

Una festa di colori, di musica e folklore ma il cui significato si rifà ad antichi legami storici fra Stati.

Invitate quest’anno alla seconda edizione degli Incontri dei Siti Storici Grimaldi , di sabato 22 e domenica 23 giugno 2019,  4 località che hanno legami antichi con Monaco. Si tratta del paese di Matignon in Bretagna; il ducato di Valentinois, il borgo medioevale italiano di Dolceacqua nella Liguria di Ponente (in quest’ultimo e nella vicina Bordighera è in corso attualmente la mostra su Monet nella quale è esposto un quadro della collezione privata del Principe Alberto II, sull’evento LEGGI) ed il confinante comune francese di Roquebrune Cap Martin.

Due Giorni di Storia e Folklore sulla Piazza del Palazzo del Principe Di Monaco
Ft©arvalens

Un’occasione per sventolare i propri vessilli e gli sgargianti abiti tradizionali, ballare sulle note di tamburi, violini, flauti, cornamuse, accanto ad un pubblico che fotografava ed applaudiva esibizioni musicali e discorsi. 

Ma anche un’occasione per riunire sotto al “tetto” dei Siti Storici Grimaldi, alla presenza del Principe Alberto II, autorità e personalità, ricordando come “la storia italiana, francese e monegasca si sono spesso incontrate nel passato”. 

Due Giorni di Storia e Folklore sulla Piazza del Palazzo del Principe Di Monaco
Nella foto da sinistra: Fulvio Gazzola, sindaco di Dolceacqua, Gianni Berrino assessore al Turismo ed ai Trasporti della Regione Liguria, Jacques Pastor del Comune di Monaco, Cristiano Gallo, Ambasciatore d’Italia a Monaco ; Ft©arvalens

Fra le autorità erano presenti il ministro degli Interni di Monaco Patrice Cellario, il ministro della Sanità Didier Gamerdinger, la vice presidente del Consiglio Nazionale Brigitte Boccone Pagès, il rappresentante del Comune di Monaco Jacques Pastor, il direttore degli Affari Culturali Jean-Charles Curau, il direttore degli Archivi e della Biblioteca del Palazzo del Principe di MonacoThomas Fouilleron,l’ambasciatrice di Francia a Monaco Marine de Carné Trécesson, l’ambasciatore d’Italia Cristiano Gallo, l’assessore al Turismo ed ai Trasporti della Regione Liguria Gianni Berrino (sulla recente partecipazione di Berrino all’incontro dei Sindaci dei Paesi Italiani con Bandiera Arancione LEGGI), l’assessore all’Urbanistica della Regione Liguria Marco Scajola, il sindaco di Dolceacqua Fulvio Gazzola ed altri.

“…alla fine – ha affermato il Principe Alberto II durante la cerimonia di apertura – quello che ci riunisce tutti oggi, è l’amicizia: l’amicizia che percepisco durante le mie regolari visite nelle diverse regioni e che, attraverso la mia persona, viene manifestata al Principato dalle forze locali e dalla popolazione. Ma anche l’amicizia che desidero mostrarvi di ritorno, a nome del Principato, accogliendovi qui, e mostrando anche , ai nostri residenti e ai nostri visitatori, il meglio dei vostri territori”.

Al termine del discorso del Sovrano, preceduto dal Sindaco Georges Marsan e dal direttore generale di Monaco Inter Expo (organizzatore dell’evento) Albert Croesi ad entusiasmare il numeroso pubblico (erano presenti oltre 800 persone) ha provveduto anche la cerimonia di intronizzazione della Confrérie du Nougat de Montélimar (vedi foto in apertura).

Non meno apprezzate le danze tradizionali del gruppo folklorico di Matignon e de la Palladienne de Monaco, l’orchestre de Mandolines di Roquebrune Cap Martin, Les Enfants Musiciens dell’Accademia di Musica Ranieri III di Monacolo spettacolo Son et Lumière (Suoni e Luci) proiettato sabato sera sulla facciata del Palais Princier che evocava, come quello della precedente edizione, la storia e gli eventi del Regno dei Grimaldi.

GASTRONOMIA ED ARTIGIANATO

Oltre alla festa popolare fra cultura, danze e folklore, è stato allestito un percorso gastronomico con prodotti alimentari ed artigianali. Ceramiche, cesti di lavanda e prodotti locali fra cui i tradizionali barbagiuan monegaschi fatti sul posto, l’olio di olive taggiasche, vanto della Liguria dell’estremo Ponente ed il vino Rossese di Dolceacqua, ma anche il miele, marmellate, cesti di albicocche e ciliege ed altri prodotti tipici della vicina Francia, che attiravano curiosi ed avventori. 

Due Giorni di Storia e Folklore sulla Piazza del Palazzo del Principe Di Monaco
Ft©arvalens

Sui siti storici Grimaldi potrebbe interessarti anche:

FOTO ©arvalens / MONACO ITALIA MAGAZINE

Due Giorni di Storia e Folklore sulla Piazza del Palazzo del Principe Di Monaco
Ft©arvalens
Due Giorni di Storia e Folklore sulla Piazza del Palazzo del Principe Di Monaco
Ft©arvalens
Due Giorni di Storia e Folklore sulla Piazza del Palazzo del Principe Di Monaco
Ft©arvalens
Due Giorni di Storia e Folklore sulla Piazza del Palazzo del Principe Di Monaco
Ft©arvalens
Due Giorni di Storia e Folklore sulla Piazza del Palazzo del Principe Di Monaco
Ft©arvalens
Due Giorni di Storia e Folklore sulla Piazza del Palazzo del Principe Di Monaco
Ft©arvalens

Clicca qui per mettere “mi piace” alla nostra pagina facebook Monaco Italia Magazine

Please follow and like us:
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial

Enjoy this blog? Please spread the word :)