Le Fiabe in Dialetto: La donnetta che Andava alla Fiera

Le Fiabe in Dialetto: La donnetta che Andava alla FieraPoesie E Racconti: La Donnetta Che Andava Alla Fiera, di Anselmo Roveda, illustrazione di Fiammetta Capitelli,©Egnatia Di Anila Alhasa

La Donnetta che Andava alla Fiera 

A donnetta ch’a l’Anava a-a Fea 

di Anselmo Roveda

© 2016 Egnatia di Anila Alhasa  

C’era una volta una donnetta che andava alla fiera. La donnetta che andava alla fiera era una donnetta piccinina piccinina, anzi di più era una donnettina piccinina piccinina. La donnettina piccinina piccinina, che se ne andava alla fiera, durante la strada si domandava: “Ma cosa mi potrò comprare alla fiera, io che sono una donnettina piccinina piccinina?”. 

Unna vòtta gh’ea unna donnetta ch’a l’anava a-a fea. A donnetta ch’a l’anava a-a fea a l’ea unna donnetta picciña picciña, ançi, de ciù: a l’ea unna donnettiña picciniña picciniña. A donnettiña picciniña picciniña, tanto ch’a camminava pe-a stradda verso a-a fea, a se domandava: “Ma cöse m’accattiò mai a-a fea, mi che son unna donnettiña picciniña picciniña?” .

Quando finalmente arriva alla fiera la donnettina piccinina piccinina è ancora lì a domandarsi: “Ma cosa mi potrò comprare alla fiera, io che sono una donnettina piccinina piccinina?”. 

Quande, in sciâ n, a l’arriva a-a fea a l’ea ancon lì à domandâse: “Ma cöse m’accattiò mai chì a-a fea, mi che son unna donnettiña picciniña picciniña?”.

E gira gira non trova niente che sia adatto per lei. E allora gira gira ancora e non trova niente che sia adatto per lei. 

E a gia in sa, e a gia in là, a no l’attreuva ninte ch’o segge giusto pe lê. E aloa a gia ancon in sà, ancon in là, ma a no l’attreuva ninte ch’o segge giusto pe lê. 

Poi finalmente, dopo tanto girare, trova un omettino piccinino piccinino anche più piccinino di lei e così decide di comprarselo; 

In sciâ n, dòppo tanto giâ, a l’attreuva un ommettin piccinin piccinin, ancon ciù piccinin che lê, e coscì a deçidde d’accattâselo;

E così la donnettina piccinina piccinina si compra l’omettino piccinino piccinino e tutta contenta parte verso casa. Ma la donnettina piccinina piccinina per non perdere l’omettino piccinino piccinino, tanto era piccinino quell’omettino piccinino piccinino, se lo annoda in un fazzoletto. 

E coscì a donnettiña picciniña picciniña a s’é accattâ l’ommettin piccinin piccinin e tutta recillâ a l’é tornâ spedia à cà. Ma a donnettiña picciniña picciniña, pe no perdise l’ommettin piccinin piccinin, mai tanto o l’ea piccin quello ommettin piccinin piccinin, a ô l’aggroppa into seu mandillo. 

La donnettina piccinina piccinina cammina cammina ma a un certo punto mentre è ancora per strada si mette a piovere. Piove acqua grossa come le mele sulla testa della donnettina piccinina piccinina e sul mondo. Con tutta quella pioggia va a finire che alla donnettina piccinina piccinina si bagna il fazzoletto e dentro il fazzoletto le si bagna pure l’omettino piccinino piccinino. 

A donnettiña picciniña picciniña a l’é lì ch’a cammiña e a cammiña quande, à un bello momento, o çê o se mette à cieuve, cieuve à derruo. Cieuve de stisse grende comme mei in sciâ testa da donnettiña picciniña picciniña e in sciô mondo. Con tutta quell’ægua a nisce che a-a donnettiña picciniña picciniña se ghe bagna o mandillo e drento a-o mandillo se ghe bagna ascì l’ommettin piccinin piccinin. 

Le Fiabe in Dialetto: La donnetta che Andava alla Fiera

Oh povera donnettina piccinina piccinina! Oh povero omettino piccinino piccinino! Ma la donnettina piccinina piccinina non si perde d’animo e appena arriva a casa si mette davanti al fuoco per far asciugare l’omettino piccinino piccinino 

ò meschiña a donnettiña picciniña picciniña! Òh meschin l’ommettin piccinin piccinin! Ma a donnettiña picciniña picciniña a no se perde d’animo e apeña a l’é à cà a se mette arente a-o feugo pe fâ sciugâ l’ommettin piccinin piccinin. 

Dopo un po’ la donnettina piccinina piccinina decide che è l’ora di andare nella stalla a mungere le mucche e lascia l’omettino piccinino piccinino sul camino. 

Passou do tempo, a donnettiña picciniña picciniña a deçidde che a l’é l’oa d’anâ inta stalla à alleitâ e vacche, e coscì a lascia l’ommettin piccinin piccinin in sciô camin. 

Ma mentre l’omettino piccinino piccinino è sul camino si mette un vento forte, tanto forte che butta l’omettino piccinino piccinino dentro il focolare. 

Ma tanto che l’ommettin piccinin piccinin o l’é in sciô camin vëgne un vento fòrte, mai tanto fòrte ch’o caccia l’ommettin piccinin piccinin into fogoâ. 

La donnettina piccinina piccinina a un certo punto va a vedere se l’omettino piccinino piccinino è asciutto ma non lo trova più. La donnettina piccinina piccinina allora piange e si dispera, ma cerca che ti cerca finalmente trova l’omettino piccinino piccinino nel focolare, proprio in mezzo alla cenere. 

A un bello momento a donnettiña picciniña picciniña a torna pe vedde se l’ommettin piccinin piccinin o l’é in sciâ n sciuto, ma a ô no l’attreuva ciù. A donnettiña picciniña picciniña aloa a cianze e a se despea, ma… çerca in sà, çerca in là, çerca ancon… in sciâ n a l’attreuva l’ommettin piccinin piccinin into fogoâ, pròpio into mezo da çenie. 

La donnettina piccinina piccinina allora passa al setaccio, quello della farina, tutta la cenere per tirar fuori l’omettino piccinino piccinino. 

A donnettiña picciniña picciniña, aloa, pe tiâ feua l’ommettin piccinin piccinin, a passa a-o siasso, quello da fæña, tutta a çenie do fogoâ. 

Quindi la donnettina piccinina piccinina lo lava e lo ripulisce, poi così pulito mette l’omettino piccinino piccinino sul davanzale della finestra per farlo asciugare, 

Donca a donnettiña picciniña picciniña a lava e a nettezza l’ommettin piccinin piccinin; dapeu, coscì ben nettezou, a ô mette in sciâ ciappa do barcon pe fâlo sciugâ, 

ma proprio in quel momento passa una zanzara e se lo porta via sotto l’ala. 

ma giusto inte quello momento, de botto, passa unna sinsaa ch’a s’ô piggia e a s’ô porta via sotta l’aa. 

Oh povera donnettina piccinina piccinina! Oh povero omettino piccinino piccinino! 

òh meschiña a donnettiña picciniña picciniña! Òh meschin l’ommettin piccinin piccinin! 

(Ma forse, nessuno lo sa per certo, la donnettina piccinina piccinina è partita, a cavallo di una libellula, per andare a riprenderselo) 

(Ma fòscia, nisciun o ô sa pe in davei, a donnettiña picciniña picciniña a l’é partia, à cavallo de un massapræve, pe piggiâselo torna inderê) 

Clicca qui per mettere “mi piace” alla nostra pagina facebook Monaco Italia Magazine

Per Altri Articoli di Monaco Italia Magazine Clicca qui

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)