Una Vita al Microfono: Intervista a Luisella Berrino

Una Vita al Microfono: Intervista a Luisella BerrinoLuisella Berrino con Jacky Ickx a Monte Carlo

di Angela Valenti Durazzo – E’ una fra le voci più celebri di Radio Monte Carlo, emittente che ha lasciato dopo quasi 45 anni di lavoro. Da 29 anni inoltre è una delle voci del Grand Prix di Formula 1 di Monaco.

Una carriera “fatta con leggerezza e non troppa consapevolezza”, come dice lei, che ha portato Luisella Berrino, conduttrice radiofonica nata ad Alassio in Liguria e figlia del pittore Mario Berrino, a diventare una presenza abituale e familiare per molti di noi.

La sua voce musicale ed inconfondibile, la spigliatezza e la vivacità dell’eloquio l’hanno resa un personaggio sia in Italia che oltreconfine. Abbiamo intervistato Luisella Berrino per farci raccontare qualche episodio della sua carriera densa di incontri e soddisfazioni

Luisella, quando è iniziata la tua avventura radiofonica?

Nel 1970 ho cominciato a fare radio, con passione, entusiasmo e cuore, e non ho smesso per 45 anni. Maurizio Costanzo, che lavorava per noi a RMC una volta mi ha convinta a fare un concorso in Rai, un volto nuovo per gli anni ’80, che abbiamo vinto in quattro: io, Piero Chiambretti, Alessandro Cecchi Paone e Fabio Fazio. Provai una grandissima soddisfazione ma poiché mio figlio aveva solo 2 anni ho deciso di non proseguire su quella strada. Inoltre avevo la consapevolezza che il mio mezzo era la radio e sono andata avanti, felice di averlo fatto.

Quali sono gli ingredienti che ti hanno resa una speaker di successo?

Una Vita al Microfono: Intervista a Luisella Berrino

Luisella Berrino con Erri De Luca nel 2012

Innanzitutto come dato caratteriale, non dico mai di no alle nuove esperienze. Insomma mi riconosco una certa incoscienza e spensieratezza. Ma l’ingrediente principale è essere come sono. Quando ho iniziato la radio io, nessuno ti insegnava come fare, così mi sono resa conto fin da subito che dovevo tirare fuori da me stessa le cose. Se non mi venivano i nomi delle persone non mi imbarazzavo ma ci ridevo sopra. Infatti non ho mai fatto finta di essere qualcuno che non sono.

Come fai ad essere sempre così allegra al microfono?

La radio è stata il grande dono della mia vita, davanti a quel microfono mi si apriva il cuore, ero felice di essere lì e qualsiasi cosa e preoccupazione la dimenticavo, svaniva, non ci pensavo più. Inoltre per me fare radio è sempre stato un gioco e devo ringraziare per la fortuna che ho avuto e per il bel rapporto che continuo ad avere con gli ascoltatori che mi scrivono su facebook e continuano a seguirmi nelle mie iniziative.

E quale tra i personaggi che hai incontrato ricordi con più piacere?

Ho conosciuto tante celebrità e campioni, ma fra i molti mi è rimasto impresso, quando presentavo recentemente una manifestazione al Tunnel Riva a Monaco, il pilota Jacky Ickx (nella foto d’apertura con Luisella). Jacky mi è venuto incontro e guardandomi fisso mi ha detto “non immagina che piacere mi ha fatto incontrarla. La sua voce mi ricorda gli anni più belli della mia vita”. E’ stata una gratificazione. Ho incontrato anche Andrea Bocelli che una volta all’Hôtel de Paris, mi ha fatta chiamare e mi ha detto che mi ascoltava fin da ragazzo. Ho conosciuto Stefano Casiraghi e mi era piaciuto tanto. Ivano Fossati, a “Incontro con l’Autore” che ho organizzato a Monte Carlo, e moltissimi altri.

E il Gran Premio di Formula 1 di Monaco?

Quest’anno è la 29° volta che sono la voce femminile del GP. L’Automobile club di Monaco, infatti, cercava anche una voce femminile e poiché già presentavo il Rally di Sanremo, il Rally Costa Smeralda e la Rievocazione storica della Mille Miglia (per 23 anni), si sono rivolti a me ed ho accettato questo nuovo impegno. In questa eccezionale gara monegasca, sei a contatto con Vip e personalità. Recentemente il Principe Alberto ha guardato dalla sua postazione d’onore noi speaker e ci ha fatto il segno okay, come gesto di apprezzamento.

Un altro ricordo lusinghiero dunque…

Si anche se non mi sono mai resa conto di fare qualcosa di speciale. Poi magari dopo, col tempo, ti rendi conto e dici fra te stessa: “ho fatto questo” “ho visto quell’altro” e sono cose che ti rimangono nel cuore, anche se ho affrontato questi anni con leggerezza e non troppa consapevolezza.

Nella Foto sopra Luisella Berrino al microfono di Radio Monte Carlo

Clicca qui per mettere “mi piace” alla nostra pagina facebook Monaco Italia Magazine

 

 

 

 

 

 

 

 

Please follow and like us:
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial

Enjoy this blog? Please spread the word :)