Coronavirus a Monaco ed in Costa Azzurra: l’Arte Aiuta il Mondo a Sognare

Coronavirus a Monaco ed in Costa Azzurra: l'Arte Aiuta il Mondo a SognareFt.Jessica Ruscello

di Angela Valenti Durazzo 

Dipingere guardando oltre l’orizzonte, descrivendo mondi e volti visti, immaginati, sognati, dalle tinte sempre vive: l’arte non teme barriere, interpreta e trasferisce sulla tela ogni inquietudine ed ogni speranza.

Coronavirus a Monaco ed in Costa Azzurra: l'Arte Aiuta il Mondo a Sognare
Mauro Maugliani, Nizza, in una foto© Red Man

Abbiamo chiesto in questo periodo di emergenza coronavirus e di difficile isolamento a casa di larga parte della popolazione (sul confinamento nel Principato LEGGI, su come gestire emotivamente il confinamento LEGGI) ad alcuni artisti tra Monaco e la Costa Azzurra come, la creatività, le nuove consapevolezze ed i diversi ritmi a cui siamo costretti vengono trasferiti sulla tela.

“Mi sento come un attore dentro il suo camerino che continua a recitare aspettando che torni il pubblico a riempire le poltrone in platea”.

Così riassume il suo stato d’animo Mauro Maugliani, pittore italiano che vive a Nizza, autore di numerose esposizioni in Costa Azzurra, la cui opera è stata scelta nel 2018 per realizzare la locandina del 70° anniversario del Nice Jazz Festival.

“La scelta nella vita di fare l’artista è già di per sé particolare. Sovverte un po’ le regole della società andare dentro il tessuto connettivo del mondo, ascoltare sentire, osservare. Tutto questo entra nella sintesi metabolica creativa, per farsi poesia – prosegue Maugliani – . L’arte interroga, si è nudi davanti ad un’opera, l’artista ha una tendenza anarchica rispetto alle regole sociali, questo momento di isolamento ha allo stesso tempo un senso claustrofobico ed evasivo. Si, perché evadere per me nasce anche da uno stato psicologico, dalla necessità di esplorare, e questo stato io lo trovo nella concentrazione, o semplicemente nella condizione che aiuta la creatività di prendere del tempo per pensare”.

L’Arte per me è Disciplina, Silenzio, Solitudine

Coronavirus a Monaco ed in Costa Azzurra: l'Arte Aiuta il Mondo a Sognare
Una delle opere realizzate di recente da Mauro Maugliani

Viviamo dunque un momento di chiusura ed apertura nello stesso tempo, di fronte ad un’emergenza sanitaria che ha portato buona parte del mondo a difendersi da un nemico invisibile, che ha provocato, e ancora provoca nel mese di aprile del 2020, un tributo di vite umane, non risparmiando anche la Francia e in misura minore il Principato (sul Coronavirus a Monaco LEGGI).

“Il mio lavoro prevede da sempre disciplina, silenzio, solitudine, dunque il confinamento per contenere il coronavirus non mi pesa molto se non nella misura in cui fuori si contano i morti – aggiunge Maugliani – e allora mi trovo a riflettere come tutto questo ci cambierà, e come cambierà la mia pittura, e quale senso avrà l’arte: io credo semplicemente quello di aiutare il mondo a sognare. Il pennello non si ferma continua a scorrere leggero sulla tela della vita, e torneremo a raccontarla ciascuno col proprio dolore e con una consapevolezza in più forse, di tornare a prenderci cura di noi nel rispetto degli altri”.

Viatcheslav Plotnikov: L’Arte e il Valore della Famiglia

Coronavirus a Monaco ed in Costa Azzurra: l'Arte Aiuta il Mondo a Sognare
Family Portrait, recente opera di Viatcheslav Plotnikov

L’arte e il sogno, ispirano in questi giorni difficili anche Viatcheslav Plotnikov artista di origini russe noto a Monaco ed in Costa Azzurra per le sue affascinanti dame, ambientate spesso nel ‘900, sullo sfondo di luoghi magici ed eterei come il Casinò di Monte Carlo, il Café de Paris, con cappelli a larghe falde, al volante di automobili d’altri tempi.

Cosa è cambiato per un artista, interprete del lusso e dell’eleganza che Monaco ispira, in queste settimane di emergenza Covid-19?

Coronavirus a Monaco ed in Costa Azzurra: l'Arte Aiuta il Mondo a Sognare
Il Dipinto “Valentina” di Viatcheslav Plotnikov

“E’ cambiato tanto – confida Viatcheslav Plotnikov – il mondo è cambiato! E non so dove andrà…Ma in conseguenza di questo le persone vogliono sognare ancora di più perché nel momento in cui nelle strade non c’é nessuno, in cui siamo tutti chiusi alla vita, ancora di più le persone cercano e sognano il fascino, la realtà degli anni ’50 ’60, di un periodo in cui la vita aveva una qualità straordinaria. Nei miei quadri appaiono persone felici ed eleganti, come se tutti fossero usciti da un giornale di moda”.

Il fascino glamour di Monte Carlo ma non solo: “Anche uno dei miei lavori recenti “Family portrait ” dà secondo me il senso di questa emergenza. Forse adesso è il tempo di scoprire il vero valore della famiglia e della cultura perché quando finisce la cultura tutto è banale”.

Silvia Nani Favarato: l’Alba della Rinascita

L'Emergenza Coronavirus nelle Opere degli Artisti della Costa Azzurra “l'Arte Aiuta il Mondo a Sognare”
Silvia Nani Favarato accanto all’opera esposta al Forum degli Artisti di Monaco nel 2018; Ft©arvalens

A trasferire le tinte forti di questo momento sulla tela è anche Silvia Nani Favarato, pittrice che di recente ha partecipato al Forum degli artisti di Monaco (sull’evento LEGGI): 

“In questi giorni dipingo soprattutto la tempesta che ci piega ma non ci spezza – ci racconta Silvia – e poi l’alba, simbolo di rinascita. In generale mi dedico alla pittura quando vivo sensazioni ed emozioni forti, ed in questo momento in cui l’umanità attraversa una pandemia, gli stati d’animo forti si agitano in tutti noi”.

L'Emergenza Coronavirus nelle Opere degli Artisti della Costa Azzurra “l'Arte Aiuta il Mondo a Sognare”
Una delle recenti tele di Silvia Nani Favarato

Infine a contribuire a lanciare un messaggio positivo in questi tempi di preoccupazioni sanitarie ed economiche è un noto artista monegasco, Anthony Alberti, (Mr One Teas) al quale si devono molte opere ed esposizioni fotografiche (sulle sue recenti iniziative LEGGI).

È realizzata da lui, infatti, la scritta  #strongtogether sugli striscioni con i colori della bandiera monegasca appesi nei giorni scorsi sulla facciata del Casinò di Monte Carlo.

Un’iniziativa che ha ridato vita allo storico edificio, desolantemente chiuso per via delle misure di contenimento del coronavirus, silente testimonianza di un’epidemia che ha colpito lo stesso Principe Alberto di Monaco, dichiarato però l’altro ieri, 31 marzo 2020, ufficialmente guarito (a questo proposito LEGGI).

Un messaggio che è d’incoraggiamento per tutti. Grazie all’ausilio dell’arte e delle nostre risorse interiori, dunque…strong together!

L'Emergenza Coronavirus nelle Opere degli Artisti della Costa Azzurra “l'Arte Aiuta il Mondo a Sognare”
Strong Together di Antony Alberti

Clicca qui per mettere “mi piace” alla nostra pagina facebook Monaco Italia Magazine

Per Altri Articoli di Monaco Italia Magazine Clicca qui

Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial
error

Enjoy this blog? Please spread the word :)