585 scatti d’autore per il cantiere del Nuovo Ospedale Princesse Grace

Seguici sui social network

Antony Alberti presenta la sua opera ft.©Dir.Communication
Particolare dell’opera con 585 volti di personale ospedaliero, volontari e personale del cantiere – ft.©arvalens

Quasi seicento ritratti fotografici di personale ospedaliero, operai del cantiere e volontari, costituiscono l’opera urbana firmata dall’artista Anthony Alberti (in arte Mr OneTeas), che abbellisce e riveste dal 24 luglio, la gabbia dell’ascensore che collega l’avenue Pastor all’ospedale Princesse Grace di Monaco. Mentre un’esposizione di 31 fotografie d’epoca ripercorre la storia di una struttura ospedaliera che mai, fin dai tempi del Principe Ranieri e dal primo colpo di piccone del 1898, ha smesso di crescere.

Ad inaugurare le due iniziative e l’opera di abbellimento del cantiere del nuovo ospedale Princesse Grace, sono intervenuti nei giorni scorsi Marie-Pierre Gramaglia ministro dell’Ambiente e Didier Gamerdinger, ministro degli Affari Sociali e della Salute, alla presenza del direttore aggiunto del CHPG Benoite De Sevelinges e del presidente Andrè Garino (nella foto sopra).

ft.©arvalens

Attraverso queste due realizzazioni artistiche, il Governo del Principe ha voluto dare un respiro positivo al cuore del cantiere del Nuovo Ospedale e mettere in luce gli attori che vivono tale realtà nel quotidiano”, si legge sul comunicato divulgato per l’occasione.

Si veda sullo stesso argomento l’articolo pubblicato su Monaco Italia Magazine

http://monacoitaliamagazine.net/nuovo-ospedale-princesse-grace-un-cantiere-a-misura-duomo-con-i-ritratti-di-medici-e-personale

E mentre l’arte fotografica rappresenta solo la parte più visibile dello sforzo operato dalle autorità monegasche per ridurre l’impatto del cantiere, proseguono i lavori iniziati nel 2015, per la realizzazione del NCHPG (Nuovo Centro ospedaliero Princesse Grace) struttura all’avanguardia sotto il profilo architettonico, ecologico e dell’accoglienza, con camere quasi tutte singole e con vista mare, suites e blocchi operatori riuniti su un solo livello.

ft.©arvalens

Sarà un’ospedale vivo, con una grande caffetteria per i visitatori, esposizioni d’arte, una passeggiata panoramica aperta anche alla popolazione, un servizio di ristorazione, una concezione ecologica, sulla base della certificazione “faible impact environnemental”, un basso impatto energetico e molto altro ancora”, ci aveva infatti spiegato in una precedente intervista Benoite De Sevelinges.

 

 

I Principi Ranieri e Grace di Monaco in una delle 31 fotografie d’epoca che ripercorrono la storia del Centro Ospedaliero Princesse Grace – ft.©arvalens
Please follow and like us: