Giorgio Faletti descrive Monte Carlo: “Uno spettacolo che non può lasciare indifferenti”

Seguici sui social network

foto©arvalens

Tra le descrizioni illustri di Monte Carlo merita di essere riportata quella frutto della penna di Giorgio Faletti, attore comico, cantante (secondo posto al Festival di Sanremo con la canzone “Signor Tenente”) e scrittore, molto caro al pubblico italiano, scomparso nel 2014.

Il papà di Vito Catozzo, la guardia del programma “Drive in”, ambienta il suo romanzo di esordio, il thriller “Io Uccido con oltre 4 milioni di copie vendute, proprio nel tranquillo Principato di Monaco.

Una sera Jean-Loup Verdier, DJ di Radio Monte Carlo riceve, durante la sua trasmissione, la telefonata di un ascoltatore che dichiara di essere un assassino. Il giorno dopo un pilota di Formula 1 e la sua compagna vengono trovati morti. Seguiranno altri delitti preceduti ogni volta da una telefonata a Radio Monte Carlo…

Ecco, di seguito una delle descrizioni di Giorgio Faletti /Jean-Luop Verdier

LO SPETTACOLO DEL PORTO ILLUMINATO

…Lasciò alla sua destra e poi alle sue spalle la piazza del Casinò e percorse ad andatura moderata la discesa che pochi giorni prima le Ferrari, le Williams e le McLaren avevano percorso a una velocità pazzesca. Dopo la curva del Portier gli arrivarono sul viso la brezza che veniva dal mare e le luci gialle del tunnel. Lo percorse sentendo l’aria rinfrescarsi, immerso in quella luminosità innaturale che mescolava i colori e li rendeva tutti uguali. All’altra uscita ritrovò lo spettacolo del porto illuminato, dove in quel momento stavano galleggiando, con ogni probabilità, un centinaio di milioni di euro di barche. In alto, a sinistra, la rocca, con la reggia avvolta di luci diffuse, pareva controllare con garbo che il sonno del principe e della sua famiglia non venisse disturbato. Nonostante l’abitudine, era uno spettacolo che non poteva lasciare indifferenti. Jean-Loup riusciva a capire come un abitante di Osaka o di Austin o Johannesburg, davanti a un’immagine come quella, potesse rimanere senza fiato e farsi venire il gomito del tennista a forza di scattare fotografie. A quel punto era praticamente arrivato.

Costeggiò il porto, dove i lavori di rimozione delle transenne procedevano con molta più calma, passò davanti alle Piscine e, subito dopo la Rascasse, piegò a sinistra e imboccò la rampa del parcheggio sotterraneo, scavato per tre piani esattamente sotto l’ampio slargo davanti alla sede della radio. Mollò la macchina nel primo spazio libero e prese le scale per salire all’aperto. L’eco della musica dello Stars ‘n Bars gli arrivò dalle porte aperte del locale. Era un punto obbligato per gli habitué della vita notturna di Monaco, un video-pub dove bere una birra o gustare qualche piatto di cucina tex-mex aspettando che la notte invecchiasse, prima di sparpagliarsi per le discoteche e i locali della costa…”

da Giorgio Faletti,  Io uccido”, Baldini & Castoldi 2002

Sulla vita del comico e scrittore  https://it.wikipedia.org/wiki/Giorgio_Faletti

Please follow and like us:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.