Nel Principato il vincitore del Campiello, insieme a Bruno Vespa e Philippe Daverio. L’evento, organizzato dall’Ambasciata d’Italia “strumento di interscambio socio-culturale, al di là di ogni frontiera”.

Seguici sui social network

Premio Campiello il vincitore atteso a Montecarlo
Nell'Immagine i 5 libri finalisti del Premio Campiello 2017

Un grande appuntamento con il Premio Campiello e con la letteratura italiana quello che si terrà alle 18 di venerdì 22 settembre alla Salle d’Or del Fairmont di Monte Carlo, organizzato dall’Ambasciata d’Italia nel Principato di Monaco, in collaborazione con l’agenzia Communiqué e Confindustria Veneto.

All’incontro monegasco saranno presenti Donatella Di Pietrantonio, vincitrice della 55° edizione del Premio Campiello (con L’Arminuta edito da Einaudi) insieme al giornalista televisivo e scrittore, Bruno Vespa ed al critico d’arte ed autore, nonchè membro della giuria del Campiello, Philippe Daverio.

La manifestazione assume una particolare rilevanza, oltre che per l’alto profilo degli ospiti che interverranno, alla presenza dell’Ambasciatore d’Italia a Monaco Cristiano Gallo,  anche per la novità costituita dall’appuntamento monegasco.

UNA PIU’ AMPIA PLATEA INTERNAZIONALE PER LO STORICO PREMIO

“Monaco rappresenta infatti la sola trasferta estera del vincitore dello storico Premio letterario italiano – riporta una nota dell’Ambasciata d’Italia – che, attraverso la prestigiosa vetrina del Principato, punta così ad intercettare una più ampia platea internazionale. Lo sguardo transnazionale diventerà pertanto da quest’anno la cifra del Premio Campiello, sempre più strumento di interscambio socio-culturale, al di là di ogni frontiera non solo fisica e geografica”.

L’appuntamento monegasco concorrerà dunque a rinsaldare ulteriormente i rapporti di scambio culturale esistenti fra il Principato di Monaco ed il nostro Paese. Il Campiello (assegnato ad opere di narrativa italiana) è infatti considerato tra i più prestigiosi d’Italia.  Nella prima edizione, nel 1963,  vide come vincitore Primo Levi con “La Tregua”, premiato nell’isola di San Giorgio a Venezia.

A garantire un giudizio corretto da sempre provvede una duplice giuria: tecnica e popolare. La prima assolve al compito di nominare i cinque finalisti, la seconda, composta da 300 lettori scelti di anno in anno ed i cui nomi restano segreti fino alla premiazione,  di scegliere il vincitore.

Per i finalisti del Premio Campiello si veda http://www.premiocampiello.org/

Seguiteci anche su facebook

Monaco Italia Magazine

Please follow and like us: