VOLTI E RACCONTI DI MIGRANTI NEI PRESSI DEL CONFINE FRANCO-ITALIANO

Seguici sui social network

Gli emigranti ospitati da Don Rito Alvarez parroco della chiesa delle Gianchette (Ventimiglia) - foto d'archivio

Bordighera – Scuola di vita all’Istituto Montale di Bordighera, dove stamane, venerdì 5 maggio, Don Rito Alvarez – il celebre prete che ospita nei locali della chiesa di Sant’Antonio alle Gianchette di Ventimiglia prevalentemente famiglie e minori giunti nella città nella speranza di passare il confine con la Francia e dirigersi verso il nord Europa – insieme a Dario Bosio, studente di antropologia visuale all’università di Berlino, hanno condiviso con i ragazzi della scuola di Bordighera, a pochi chilometri dal confine francese, la propria esperienza con i migranti che transitano dal centro.

Un’esperienza di grande umanità, come ha spiegato il religioso di origine colombiana che ha infatti parlato ai giovani sulla necessità di “Conoscere le persone per conoscere la verità”.  Dario Bosio, invece, è un giovane diplomato al liceo Aprosio di Ventimiglia che “da alcuni anni gira il mondo nelle zone di emergenza umanitaria per la sua ricerca, che è diventata anche la sua scelta di vita”. Bosio sta preparando, infatti, un master di antropologia visuale alla Freie Universität di Berlino, in parte dedicato ai migranti delle Gianchette. Il giovane, che è appena tornato dall’Irak e sta per partire per la Siria, ha parlato agli studenti di “fotografia come ricerca antropologica. Esperienze migranti al confine franco-italiano”.

Alcuni migranti nel 2015 al confine di Ponte San Ludovico. Foto©arvalens2017

L’iniziativa di stamane rientra nel progetto di alternanza scuola lavoro – spiegano gli organizzatori – ma soprattutto si avverte forte nel mondo della scuola l’esigenza di sensibilizzare ed informare le giovani generazioni riguardo all’emergenza umanitaria che il mondo sta vivendo.  E nel mondo attuale Ventimiglia, da due anni a questa parte, è diventata un punto estremamente sensibile”.

Quella dell’aumento estivo dei flussi di migranti che tentano di raggiungere la Francia è infatti un’emergenza che ogni anno si rinnova. I migranti di passaggio da Ventimiglia, vengono oggi ospitati nel Campo Roja gestito dalla Croce Rossa Italiana mentre, come già detto, i nuclei familiari da don Rito Alvarez. Un costante lavoro viene svolto anche da Caritas e da numerose associazioni di volontariato “L’estate è alle porte, i flussi di migranti aumentano e alle Gianchette scarseggiano i beni di prima necessità – dicono i volontari – per questo domenica 7 maggio alle 11.30 l’associazione ‘Pigna mon amour’ organizzerà una raccolta alla Torre saracena di piazza eroi a Sanremo. Si tratta di un piccolo gesto per un grande aiuto”.

Please follow and like us:

3 Commenti

  1. I’m very happy to find this website. I wanted to thank you for your time just for this wonderful read!! I definitely enjoyed every part of it and I have you saved to fav to look at new information in your blog.

  2. We stumbled over here by a different web address and thought I may as well check things out. I like what I see so i am just following you. Look forward to finding out about your web page repeatedly.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.