Prove Tecniche di Natale: Il Pandolce Fatto in Casa

Per le prossime festività natalizie possiamo cimentarci in cucina in una ricetta della tradizione: il pandolce genovese

E’ un grande classico della cucina tradizionale ligure: il Pandolce (pandöçe o pan döçe mentre nel sanremese veniva chiamato “pan du bambin”) è legato alle festività natalizie, proprio come il panettone a Milano, anche se oramai lo si trova in vendita durante tutto l’anno.

Il Pandolce è conosciuto anche all’estero ed in Costa Azzurra, dove è possibile approvvigionarsene, se non altro, recandosi a fare scorta nella vicina Ventimiglia (in molti lo fanno anche con i panettoni e pandori, che vengono acquistati dai francesi non solo a Natale ma durante tutto l’anno).

Chi nelle prossime festività volesse provare a cimentarsi nella realizzazione del dolce: riportiamo una ricetta dalla “Cuciniera genovese”, libro di cucina vintage.

Perché non provare a stupire parenti ed ospiti realizzando la nostra versione casalinga del dolce natalizio?

Ingredienti:

  • 2 chili di farina
  • 150 grammi di lievito
  • 150 grammi di zucchero al velo
  • 3 etti di burro
  • 1 bicchierino di Marsala
  • 1 cucchiaio di acqua di fior d’arancio
  • 50 grammi di uva passa bianca di Smirne
  • 30 grammi di pistacchi
  • 40 grammi di pinoli
  • 10 grammi di anici (o canditi tagliati a dadini)

Preparazione:

Prendete la farina, ponetela sulla madia in un mucchio, formatevi un buco in mezzo e versatevi un bicchiere d’acqua in cui avrete fatto prima sciogliere il lievito.

Impastate la parte liquida con parte della farina finché avrete formata una pasta assai dura: copritela col rimanente della farina, ponetevi sopra un foglio di carta e, sopra questo, una coperta di lana lasciando in riposo la pasta per circa 8 ore.

Scopritela, impastatela con la rimanente farina aggiungendo un poco di acqua tiepida, unitevi 150 grammi di zucchero in polvere, 3 etti di burro liquefatto, un bicchierino di marsala ed una cucchiaiata di acqua di fior d’arancio, mescolando e manipolando bene il tutto.

Aggiungete infine l’uva passa, i pistacchi, i pinoli, e gli anici e seguitate ad impastare finché avrete ottenuta una pasta soffice ed uniforme.

Allora formatene un pane che fascerete all’intorno con una salvietta a guisa di turbante, affinché la pasta non si schiacci troppo e lasciate lievitare per altre 12 ore, avvertendo che se facesse molto freddo sarebbe necessario mettere la pasta in una stanza calda.

Una volta lievitato fate cuocere in forno.

Altre idee per la vostra cucina trazionale:

https://monacoitaliamagazine.net/ricette-tradizione-minestrone-alla-genovese-pesto-brichetti

https://monacoitaliamagazine.net/acciughe-a-scabeccio-semplicita-storia-nel-piatto-ricetta

Seguiteci anche su facebook

Monaco Italia Magazine

 

Please follow and like us:
Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial

Enjoy this blog? Please spread the word :)